web analytics

Don’t Ever Wipe Tears Without Gloves

Torka aldrig tårar utan handskarTitolo originale: Torka aldrig tårar utan handskar
Titoli alternativi:
Don’t Ever Wipe Tears Without Gloves
Never Wipe Tears Without Gloves
Anno: 2012
Stagioni: 1 (3 episodi per 55 min.)
Stato: terminata
Genere: drammaticolove story
Tendenza gay: tendenza alta
Contenuti: contenuti espliciti
Nazione: Svezia
Lingua originale: svedese
Regista: Simon Kaijser
Principali interpreti:
Adam Lundgren – Benjamin
Adam Pålsson – Rasmus

In Italia:
Disponibilità: telefilm fansub
Sottotitoli: italiano
Fansub/Streaming:
Subs Family (fansub)
Italia Film (streaming)

Storia:
La storia è ambientata a Stoccolma negli anni ’80 e ci mostra la cultura e l’ambiente gay di quegli anni, la prima diffusione dell’Aids e la paura ed i pregiudizi che l’accompagnarono. La vicenda è narrata in prima persona da Benjamin, un Testimone di Geova che viene invitato alla festa natalizia a casa di Paul, uno scheccante omosessuale che è solito prendere sotto le sue ali giovani gay insicuri. Alla festa Benjamin conosce Rasmus, un giovane fuggito dalla piccola comunità di Koppom ed appena arrivato a Stoccolma per poter vivere liberamente la sua vita da gay. I due giovani si piacciono subito e s’innamorano, desiderosi di costruirsi una vita insieme. I problemi che devono affrontare non sono pochi, come quello di Benjamin che non vuole rivelare ai genitori la sua omosessualità, ma la gioia del nuovo amore fa vivere felicemente entrambi. Nel secondo episodio assistiamo al coming out di Benjamin ed al conseguente rifiuto da parte dei genitori mentre inizia la diffusione dell’aids, e muore uno degli amici del piccolo gruppo gay…

Altro/Curiosità:
Questa mini-serie svedese, “Never Wipe Tears Without Gloves” (Mai asciugare le lacrime senza guanti) ha battuto la super serie “Game of Thrones” al recente festival di Parigi dedicato alle serie TV ed ha trionfato ai Kristallen, gli Oscar svedesi. In Svezia, trasmessa dalla rete pubblica in prima serata, è stata seguita da una media del 34% di spettatori (1,2 milioni). Lo sceneggiatore gay Jonas Gardell, che in contemporanea ha pubblicato anche un libro omonimo (il primo di una trilogia, Amore, Malattia, Morte, uno per ognuno dei tre episodi della serie), è uno degli scrittori e commediografi svedesi più conosciuti ed apprezzati del suo Paese. Jonas Gardell è stato nominato Personalità gay dell’anno alla Swedish Gay Gala 2013, premio consegnatogli personalmente dalla principessa della Corona svedese. La storia che racconta è in parte autobiografica, ha ammesso Gardell, tratta da ricordi ed esperienze personali.

Trailer:

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.